Pista Ciclabile Selinunte“E’ una scelta coerente per rafforzare l’offerta turistica e destagionalizzare i flussi verso la Sicilia, puntando a una politica ambientale che valorizzi il meraviglioso proscenio naturale e culturale della nostra regione. E’ un ulteriore tassello che mettiamo a posto per rilanciare il turismo puntando a un segmento di mercato, quello del cicloturismo, in continua ascesa”.
Lo afferma il vicepresidente della Regione sicilia e assessore al Turismo Titti Bufardeci.

In pratica si tratta dell’attuazione del Piano strategico per la mobilità dolce e non motorizzata. L’intervento verrà realizzato con i fondi della programmazione comunitaria (PO 2007/13 – Asse 3). Il piano prevede la trasformazione in piste ciclabili di 13 linee ferroviarie da cui ricavare altrettanti itinerari e si richiama allo studio “Greenways di Sicilia”, effettuato dall’associazione italiana Greenways in collaborazione con le Ferrovie dello Stato.

Delle 13 linee previste del piano, tre sono state già oggetto di finanziamento: linea Palermo – Corleone – San Carlo; la linea Castelvetrano – Porto Empedocle – Agrigento e la linea Castiglione di Sicilia – Linguaglossa.

L’obiettivo di questo ulteriore intervento è coniugare l’esistenza di siti culturali e archeologici con percorsi già tracciati, seguendo le indicazioni del documento sugli attrattori culturali, naturali e turistici, attualmente all’esame della giunta regionale di governo.

Le prossime linee ferroviarie a essere convertite a piste ciclabili saranno la Caltagirone – Piazza Armerina – Dittaino, la Siracusa – Ragusa – Val d’Anapo, la Castelvetrano – Ribera e la Noto – Pachino – Vendicari.