Riserva foce del fiume BeliceIl consiglio comunale, ha esitato positivamente il piano di utilizzazione dell’area di protezione della “Riserva Naturale Orientata foce del fiume Belice e dune limitrofe”, redatto e riformulato dal gruppo di progettazione, alla luce della nuova vincolistica dei Siti di Interesse Comunitario e dei Piani di Assetto Idrogeologico.

Considerata l’importanza e la posizione strategica dell’area di protezione della riserva naturale orientata, in quanto cuscinetto tra le zone oggetto degli insediamenti alberghieri, l’abitato di Marinella di Selinunte e la zona di interesse naturalistico, l’Amministrazione ha ritenuto indispensabile una programmazione urbanistica, tale da rendere fruibile l’area di protezione della riserva e contemporaneamente evitare la compromissione dell’habitat naturale della stessa.

La Riserva Naturale Orientata,che interessa la parte terminale del fiume Belice e le dune limitrofe,copre 4 km di zona costiera fra Marinella di Selinunte e il promontorio di Porto Palo: un’area che si estende per 241 ettari, di cui 129 di riserva vera e propria separata dai restanti 112 ettari di pre-riserva grazie ad una linea ferrata in disuso. Il piano era stato approvato dalla Giunta guidata da Gianni Pompeo lo scorso mese di maggio, ed ora dopo l’approvazione in consiglio inizierà l’iter, presso i vari uffici della Regione Siciliana , per acquisire il parere idro-geologico e le varie autorizzazioni che ne consentiranno la futura applicazione.

“ Si tratta di una tappa epocale-afferma il sindaco Gianni Pompeo- perchè finalmente viene messo a norma il territorio a monte della Riserva e questo consentirà all’Amministrazione ed ai privati di investire.” L’assessore allo sviluppo economico, Felice Errante, chiarisce i dettagli: “ Potranno esservi allocate tutte le attività eco-compatibili, come un’arena per grandi spettacoli, una pista ciclabile, un maneggio, due parcheggi che saranno a servizio della riserva, ed altre attività a disposizione degli alberghi”.

Riserva foce del fiume Belice