ombrelloni selinunteScarsa partecipazione alla protesta inscenata ieri mattina nell’area della Riserva naturale orientata della foce del fiume Belice da parte del sindaco Gianni Pompeo che si è recato nel sito protetto senza indossare la fascia tricolore, come aveva preannunciato, e per piantare sulla spiaggia un ombrellone.

L’iniziativa, cui erano stati invitati dipendenti comunali, cittadini, villeggianti e turisti ha visto la partecipazione di una sessantina di persone. La protesta, ha fatto seguito alla denuncia alla Procura, da parte della Provincia di Trapani, di alcuni albergatori che operano a Selinunte e che avevano collocato ombrelloni per i clienti in un tratto di spiaggia che ricade nell’area della Riserva.

Contro l’iniziativa dell’amministrazione comunale si erano espressi oltre alla Provincia regionale di Trapani anche Legambiente, il Wwf e le locali sezioni di Rifondazione comunista e Partito Democratico perchè esistono norme a tutela del’area protetta che vanno rispettate’.

Oggi a contestare il sindaco Pompeo e chi lo seguiva c’erano una ventina di persone di Rifondazione comunista, Legambiente e Wwf che sulla spiaggia, in difesa dell’ambiente, invece degli ombrelloni hanno piantato alberelli di alloro.


Secondo il presidente di Legambiente Sicilia, Mimmo Fontana, e il presidente del circolo, Giuseppe Salluzzo, “esistono leggi e norme precise che tutelano queste aree da invasioni, non solo da ombrelloni, ma anche da bivacchi o, peggio, da strutture stabili. Le presenze turistiche non dipendono certo dagli ombrelloni. Chi si reca in queste oasi vuole trovare spiagge e acque incontaminate e con le caratteristiche proprie delle aree, nel caso specifico il sistema dunale”.

“Un fatto del genere dimostra non solo la noncuranza e il mancato rispetto di una legge – afferma una nota – ma, fatto ancor più grave, comporterebbe per la Sicilia un arretramento culturale e civile di oltre venti anni, un insensato passo indietro in barba alle conquiste fatte ad oggi in campo ambientale.

Il Wwf Sicilia, apprezza “che l’ente gestore della riserva, la provincia di Trapani, abbia compreso che il migliore volano per il turismo e l’economia della regione sia quello di mantenere l’integrità dei luoghi senza fare ricorso agli ombrelloni prima e al cemento dopo”.

www.lasiciliaweb.it

Gianni Pomepo - Sindaco Castelvetrano

Comunicato stampa del comune di Castelvetrano – 8 settembre

Successo per la manifestazione “ E’ ora di piantarli” presso la riserva del Belice
Il sindaco della città di Castelvetrano, dr. Gianni Pompeo, ha guidato ieri mattina una delegazione di oltre cento manifestanti presso la riserva naturale orientata “Foce del fiume Belice e dune limitrofe”. La comitiva era composta da assessori, consiglieri comunali, lavoratori ed amministratori di alcune strutture ricettive, turisti e semplici cittadini che hanno compreso bene lo spirito dell’iniziativa, che non voleva istigare le persone ad infrangere le leggi o a danneggiare l’area protetta, ma tenere desta l’attenzione su un area che merita di essere fruita nella maniera adeguata e che deve anzi essere potenziata dall’Ente Provinciale per poter essere utilizzata al meglio. Il sindaco,che si è poi concesso un bagno ristoratore nelle acque limpide del mare Mediterraneo, ha così dichiarato: “ Spero che sia chiaro una volta per tutte che la nostra iniziativa non voleva fare violenza alla riserva, anzi era dettata dal grande rispetto e dall’amore che abbiamo per questo luogo e che con grande rammarico vediamo essere stato abbandonato dalla provincia- afferma Pompeo- la politica non deve creare problemi ma deve risolverli, invece nonostante le continue sollecitazioni la provincia, fino ad ora non ci aveva ascoltato. Siamo contenti-conclude il sindaco- che questa iniziativa sia servita ad ottenere la convocazione di un tavolo tecnico per una pronta risoluzione del problema e per fare in modo che la prossima estate ci siano regole ben chiare”.

Staff del Sindaco- Ufficio per la Comunicazione Istituzionale

Alessandro Quarrato

Cellulare : 349.8012567 – 339.3655904
e-mail: aquarrato@comune.castelvetrano.tp.it