Una folla di oltre 30mila persone, secondo i dati forniti dal locale commissariato di P.S., ha “pacificamente” invaso la nostra città, per prendere parte alla seconda edizione della Notte Bianca.

Il progetto fortemente voluto dal sindaco Gianni Pompeo e realizzato in sinergia con i commercianti del centro storico ed i componenti dell’Associazione La Rivista, guidata da Nino Romano, ha riscosso consensi unanimi ed ha illuminato la città, come mai prima d’ora era accaduto. La manifestazione, si è protratta oltre le 05 del mattino, ha fatto registrare presenze record con oltre 15mila persone accalcate nel Sistema delle Piazze, per applaudire gli artisti della rassegna musicale “Il Cantagiro”, organizzata dalla Mondecarlo produzioni, che ha visto la conduzione di Stefania Orlando, la musica sofisticata ed appassionante delle Yavanna, che hanno richiamato gruppi di fans sia da Palermo che da Augusta, in provincia di Siracusa, le suadenti melodie di Leda Battisti che ha stupito la platea con la sua musica di qualità , le cover anni 60 di Ivan Cattaneo che fatto cantare e ballare il pubblico, le coinvolgenti canzoni della regina della disco-music Alexia, che ha presentato in anteprima nazionale il suo nuovo disco “Star”, uscito martedì in Italia.


Applausi convinti e partecipati anche per le vere rivelazioni dalla stagione televisiva, le piccole star di Ti Lascio una Canzone: Giuliana Cascone, Ilaria Mongiovì ed Alessia Vella, e di Io Canto Linda Napoli. E che dire della riscoperta della musica della tradizione siciliana reinterpretata in maniera magistrale dal duo Calandra&Calandra.

E poi risate a crepapelle con Totò Borghese, che dopo la conclusione dello spettacolo ha intrattenuto per un’altra ora il pubblico delle piazze che non smetteva di ridere alle sue barzellette, e la verve di Antonio Pandolfo e le imitazioni di Alessandro Gandolfo. Ma il vero successo della nottata è stato quello di essere riusciti a diversificare l’offerta, consentendo a tutti di fruire di divertimenti di ogni genere. Dai musei e le chiese aperte alle mostre, dai concerti in Piazza Escrivà con il Rock festival, alle esibizioni di danza classica e moderna, alle esibizioni di arti marziali, ai balli latino-americani, ai concerti delle bande musicali castelvetranesi ; alle sfilate di moda , alle passeggiate in Corso Vittorio Emanuele per la gioia di tutti i bambini con i personaggi della Disney insieme agli artisti di strada, ai trampolieri, ai mangiafuoco, ai maghi agli illusionisti, alle truccatrici, dalle esibizioni musicali in Piazza Nino Bixio ed alo loggiato dei saperi e dei sapori, ed in piazza Cavour con un gruppo della tradizione folk, al castello gonfiabile ed alle giostre di Piazza Principe di Piemonte, dallo zucchero filato ai palloncini.

Questa manifestazione non finisce mai di stupirmi se l’anno scorso aveva avuto un successo epocale, quest’anno siamo riusciti a superarci – ha affermato il sindaco con una punta di commozione-di questo ringrazio tutti voi che ci avete onorato della vostra presenza, la mia Giunta e tutti coloro che si sono spesi, e l’associazione la Rivista per tutto il lavoro che si è sobbarcato. Sono altrettanto felice – conclude il primo cittadino- che i miei concittadini hanno accolto con grande civiltà le migliaia di ospiti e voglio ringraziare anche le forze dell’ordine, il corpo di polizia municipale ed i volontari della Protezione Civile che hanno svolto un servizio encomiabile- ha concluso Pompeo- da domani inizieremo a lavorare alla terza edizione della Notte Bianca.”


Alla fine dello spettacolo, la gente è rimasta ancora a lungo in città, riversandosi per le vie dei negozi ed affollando i bar fino alle prime luci dell’alba. Un successo commerciale indiscutibile come conferma l’assessore allo sviluppo economico, Felice Errante: “Abbiamo fortemente investito in questa iniziativa ed ora possiamo dire senza tema di smentita che è stato un successo su tutta la linea con un afflusso di persone nel nostro centro storico, che ha ampiamente superato i numeri dell’anno scorso – afferma Errante- abbiamo messo a tacere anche chi, remando contro, era convinto che questo lavoro sinergico tra l’amministrazione e le attività commerciali, non avrebbe portato frutti.”