Selinunte 30 giugno 2013 – Si è conclusa la II edizione dell’Università d’Estate degli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa che ha avuto luogo a Selinunte, presso l’Hotel Admeto, dal 24 al 29 giugno. Nella magnifica cornice di Selinunte i gestori di 22 dei 26 itinerari culturali riconosciuti e certificati dal Consiglio d’Europa insieme a 15 nuove candidature hanno partecipato ad un intenso programma di aggiornamento sulle metodologie di gestione, sui nuovi modelli di certificazione, sui nuovi indicatori elaborati dalla DG Turismo della Commissione Europea, sul nuovo codice etico promosso dalla Organizzazione Mondiale del Turismo.

Si è parlato inoltre di modelli di gestione educativa, culturale e turistica degli itinerari prendendo come spunto La Rotta dei Fenici che ha ospitato l’evento. A tal proposito attraverso le attività collaterali di presentazione svoltesi a  Selinunte, all’Isola di Mozia, ad Erice, a Segesta, presso il Museo delle Trame Mediterranee Fondazione Orestiadi di Gibellina, i partecipanti hanno potuto toccare con mano l’attività di sviluppo locale che La Rotta dei Fenici sta realizzando in collaborazione con numerosi stakeholders locali, imprese, associazioni, tour operator, operatori culturali ed altri. Nel corso dell’evento sono state presentate le nuove iniziative tra cui il Centro Educazione all’Heritage Locanda di Selinunte, il Centro Educazione Alimentare Lido Zabbara di Selinunte, è stato presentato il nuovo succo di melograno a marchio Rotta dei Fenici prodotto dall’Agripantel, oltre al paniere di prodotti biologici a km zero che saranno a breve promossi su portali dedicati. Una serata è stata dedicata all’Itinerario Iter Vitis con sede in Sambuca di Sicilia, ospiti nella sede di Palazzo Pannitteri e presso le Cantine Planeta dove è stato offerto un rinfresco.

In foto, i rappresentanti del Consiglio d’Europa con l’assessore Stancheris a Marinella di Selinunte
Michela-Stancheris-selinunte

Le bellezze della Sicilia hanno fatto da sfondo ad una performance di grande qualità in cui tutti gli operatori siciliani coinvolti hanno dato un grande contributo di efficienza e capacità, i trasporti dagli aeroporti a Selinunte, della Marrone Autoservizi, l’ospitalità all’Hotel Admeto, il service audio-video e l’interpretariato internazionale a cura della Asso Interpreti Sicilia. Elke Aztler, Presidente del Governing Board dell’Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa ha dichiarato che la prossima edizione subirà il confronto con l’ottima organizzazione di questo evento. Sono pervenuti i saluti dell’on. Antonio Tajani, VicePresidente della Commissione Europea e Commissario al Turismo, e del Segretario Generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, oltre al messaggio video di Claudia Luciani, Direttrice al Consiglio d’Europa per la Governance, democrazia e diversità culturale.

Hanno presenziato oltre a rappresentanti della Commissione Europea, del Consiglio d’Europa, dell’Istituto Europeo Itinerari Culturali e dell’Organizzazione Mondiale del Turismo anche autorità locali, nutrita la rappresentanza del Comune di Castelvetrano, patrocinatore insieme all’Assessorato Regionale all’Agricoltura, rappresentato dal dott. Leonardo Catagnano, ed all’Assessorato Regionale al Turismo, per il quale è stata presente lo stesso Assessore Michela Stancheris .

rotta-dei-fenici

Quest’ultima ha annunciato nuove risorse europee, «aggiuntive a quelle del Programma operativo Fers per il turismo», in capitoli che negli ultimi anni erano stati «abbandonati senza un centesimo speso dalla Sicilia, menzionando “La Rotta dei Fenici” come caso emblematico su cui puntare in virtù della sua internazionalità euro mediterranea e sul ruolo della Sicilia nel contesto dell’itinerario, con Marsala e Mozia, Palermo e Solunto (Santa Flavia), ma anche Cefalù, Selinunte, Pantelleria, Erice, Favignana, le isole Egadi, Castellammare del Golfo e Sambuca di Sicilia. Infatti è un percorso di scoperta del territorio in chiave archeologica (ma anche naturalistica, enogastronomica e culturale).

«Ho scoperto – dichiara la Stancheris – che di questa meravigliosa iniziativa, la Sicilia, pur essendo capofila, non se ne occupava da quando fu assessore Fabio Granata. Adesso, con l’aumento del plafond per il turismo annunciato dal commissario Antonio Tajani ci sono risorse fino a 1,3 milioni per ognuna di queste “Rotte”». Soldi disponibili per le aziende «per servizi, marketing, cultura». E adesso l’assessore Stancheris vuole riprodurre questo modello di gestione e di finanziamento su altri versanti».

Infine si cita tra i patrocinatori il Magazine Plein Air che dedica un articolo a Selinunte, alla Sicilia ed alla Rotta dei Fenici sul numero di luglio.

Comunicato Stampa – La Rotta dei Fenici