Il feretro di Mike Bongiorno è stato ritrovato nelle campagne di Vittuone. A notarlo è stato un passante.

Per sapere se i resti sono del presentatore bisogna attendere l’esito degli esami. La salma del conduttore, morto l’8 settembre del 2009, era stata trafugata nel gennaio scorso dal cimitero di Dagnente ad Arona.

Il parroco: “Ho sempre sperato in un ritrovamento”.

Fiorello: “Un bellissimo regalo di Natale”.

Jovanotti: “Un fortissimo abbraccio a moglie e figli”.

Nei mesi scorsi sono giunte varie segnalazioni e due persone, poi risultate del tutto estranee al furto, sono state arrestate per aver tentato di contattare la famiglia Bongiorno per ottenere denaro. I due avrebbero telefonato prima a don Mario Pozzi, il sacerdote amico dei Bongiorno, chiedendo con insistenza i recapiti telefonici di Fiorello e di Marco Baldini poi si sarebbero rivolti direttamente al figlio Nicolò.

La vicenda si è conclusa per uno dei due in tribunale a Verbania il 25 ottobre scorso: Luigi Spera, artigiano edile di 54 anni residente a Settimo Milanese, accusato di tentata estorsione insieme a Pasquale Cianci, ha patteggiato un anno e sette mesi di reclusione.