Le nozze tra due “lesbiche” tedesche sono state celebrate nel tempio valdese di Trapani. Il rito, che ha unito le donne delle chiese luterana e mennonita, è stato celebrato dal pastore Alessandro Esposito.

Le spose erano arrivate a bordo di pullman, carichi di circa duecento parenti e amici. Il patto nuziale, già validato in Germania con la stipula di una unione civile, è stato benedetto gioiosamente dalla comunità trapanese, tra formule e inni pronunciati in italiano e in tedesco. È la prima volta che in Italia un pastore protestante benedice un matrimonio omosessuale.


“Certamente”, ha dichiarato il pastore valdese di Trapani e Marsala, intervistato da Repubblica, “le nozze hanno un valore sotto il profilo ecclesiastico e ritengo civico, ma non possiedono effetti civili.

Ma anche sotto l’aspetto simbolico credo che la scelta operata dalla nostra comunità sia eloquente e vada senza dubbio nella direzione del pieno riconoscimento dei diritti civili per le coppie omosessuali che auspichiamo e chiediamo”.

Esposito chiede a questo punto un pronunciamento ufficiale anche da parte delle chiese battiste e metodiste: “Esistono dei punti fondamentali che concernono il riconoscimento dei diritti umani, tra cui rientra a pieno titolo la differenza di orientamento sessuale e affettivo, rispetto ai quali una spaccatura può e deve essere provocata, con buona pace di quanti questi diritti non intendono riconoscerli”.

fonte. AGI