È stata Selinunte quest’anno a fare da cornice ad uno degli eventi più importanti della nostra Provincia, la borgata castelvetranese, ha aperto il Festival della Legalità.

Ospite della manifestazione il dirigente della divisione anticrimine della questura di Trapani Giuseppe Linares, lui che, ricordando proprio tra i tavolini di un bar della borgata incontrò il superlatitante Matteo Messina Denaro, inizia il suo dibattito coinvolgendo tutti i passanti e coloro che invece lì ci volevano essere, ad ascoltare il suo lungo racconto di verità partendo dall’inizio, l’inizio della sua carriera che lo portò in Sicilia, l’inizio della sua lotta contro il cancro che affligge la nostra terra, l’inizio di Falcone e Borsellino, invitando a credere che cambiare è possibile.

Adesso, anche a Marinella è possibile trovare un ulivo, come quello in Via D’Amelio, lì i bambini che oggi pomeriggio hanno partecipato ad un’iniziativa di gioco per dare “un calcio alla mafia” hanno appeso dei “pizzini” che, almeno questa volta, sono il segno della speranza al simbolo della nostra povera città sempre etichettata, terra malata!

Sono intervenuti alla manifestazione, il Presidente della Provincia Regionale di Trapani, Girolamo Turano, il sindaco di Castelvetrano Selinunte, Felice Errante, Teresa Di Fresco vicepresidente dell’ordine dei giornalisti Sicilia, e il giornalista Riccardo Lo Verso.