Il capo della polizia, Antonio Manganelli, riceverà a Castelvetrano la cittadinanza onoraria conferitagli dal sindaco Felice Errante.

Sabato 29 settembre alle ore 12:30, Manganelli inaugurerà i nuovi locali del commissariato di Polizia costruito su un terreno confiscato alla mafia.

Il questore di Trapani, Carmine Esposito, ha voluto sottolineare la valenza del conferimento: “Castelvetrano è la città natale di Matteo Messina Denaro”, il boss latitante dal 1992, ritenuto dagli inquirenti ai vertici di Cosa Nostra.

Breve biografia di Manganelli

Dopo la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli si è specializzato in Criminologia clinica presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Negli anni ottanta numero due del Nucleo anticrimine della Polizia di Stato, collabora anche con i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Nel 1991 diviene direttore dello SCO (Servizio centrale operativo) e del Servizio Centrale di Protezione dei collaboratori di giustizia, poi dal 1997 questore a Palermo e dal 1999 a Napoli.

Divenuto prefetto nel 2000, è stato nominato direttore centrale della Polizia criminale e vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza, incarico nel quale dal 2001 ha assunto le funzioni vicarie del capo della Polizia Gianni De Gennaro.

Il Consiglio dei ministri lo ha nominato capo della Polizia il 25 giugno 2007.

Docente di Tecnica di polizia giudiziaria all’Istituto superiore di Polizia, ha pubblicato saggi in materia di tecnica investigativa e sequestri di persona.