Si è tenuta il 21 marzo alle 10:30 nell’Aula Magna della Scuola secondaria di primo grado Gennaro Pardo la conferenza “Legalità: un impegno di tutti” ”, promossa dalla federazione F.I.L.D.I.S. sezione di Castelvetrano e dall’Istituto Comprensivo “Capuana-Pardo”.

In occasione della giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, infatti l’IC Capuana Pardo, da sempre attento ed impegnato alla promozione della legalità quale condizione indispensabile per il vivere comune, non poteva non porre l’accento sul tema.

E’ quanto ha sottolineato la Dirigente scolastica Prof.ssa Anna Vania Stallone nel suo intervento di apertura dell’incontro mettendo in risalto l’importanza del ruolo della Scuola nel comprendere, condividere ed ottemperare al valore della legalità in tutte le sue forme e molteplici sfaccettature. La Prof.ssa Marilena Cataldo, referente Commissione legalità Scuola secondaria di 1° grado, ha quindi illustrato il lavoro svolto con gli alunni su un argomento tanto importante per la crescita personale e sociale finalizzata alla formazione dell’uomo e del cittadino consapevole. Quel cittadino per il quale la lotta alla mafia diventi finalmente “un’abitudine a sentire il fresco profumo della libertà che si contrappone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza della contiguità e quindi della complicità”( P. Borsellino).

Dopo i saluti alle autorità militari presenti, il Dr. Marco Mastrocola, Comandante della Tenenza della Guardia di Finanza e il Dr. Davide Colangeli, Capitano della Compagnia dei Carabinieri, la Prof.ssa Carolina Di Liberto, Presidente FILDS sez. di Castelvetrano e moderatrice dell’incontro, ha presentato e guidato gli interventi dei relatori: il Dr. Vincenzo Pantaleo, Procuratore della Repubblica, Procura di Marsala, l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato Dott.ssa Giovanna Calia, il Dr. Salvatore Frenda, Dirigente del Commissariato di Polizia.

I prestigiosi ospiti hanno affrontato in maniera competente ed esaustiva il tema del rispetto della legalità, ricordando le numerose vittime per mano mafiosa, il delicato e fondamentale ruolo delle Forze di Polizia nella lotta alla mafia, l’importanza del contrasto a tutte le mafie proprio a partire dalla formazione dei giovani. I loro illustri interventi, infatti, hanno testimoniato l’importanza della legalità e del diritto come fondamenta della giustizia, della libertà e del bene sociale e di come, al contrario, la mancanza di legalità freni pesantemente la crescita delle società con il conseguente diffondersi di disordini ed inefficienze ed il proliferare di atteggiamenti corrotti e malavitosi.
I giovani sono stati i veri protagonisti dell’evento: gli studenti delle classi terze delle sezioni A, B e C, della Scuola secondaria di 1° grado “Gennaro Pardo” hanno presentato video, riflessioni, drammatizzazioni, momenti musicali e canori di grande spessore culturale ed emotivo e di forte impatto sul pubblico presente. Gli alunni, coordinati dalle Prof.sse Francesca La Grassa, Laura Santangelo e Marilena Cataldo hanno dato prova di profonde riflessioni sul tema ed il coro magistralmente diretto dal professore Rosario Guzzo con la collaborazione della Prof.ssa Pia Orlando, ha permesso a pensieri e parole di librarsi in musica.
Quasi a passaggio di testimone ed a voler provare, come avrebbe detto il Giudice Giovanni Falcone, che “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”. I nostri giovani.

Anna Maria di Giuseppe AS IC “Capuana Pardo”