Il Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte Avv. Felice Jr. Errante, in merito al comunicato stampa del PD di Castelvetrano e delle organizzazioni sindacali confederali ha voluto precisare quanto segue:

Dispiace dover registrare che con un tempismo quasi perfetto il Pd di Castelvetrano fa da sponda quasi speculare ad una richiesta di incontro delle organizzazioni confederali in ordine al mancato pagamento del salario di ottobre in favore dei precari dell’Ente.

felice errante sindacoEntrambi si preoccupano, altresì, di avviare una discussione sul piano di stabilizzazione dei precari. Nutro rispetto istituzionale per il ruolo che i sindacati hanno avuto ed hanno nella vita economica e sociale di una comunità, dissento con alcuni di loro sulle modalità con le quali, a volte, agiscono nell’interesse dei propri iscritti.

Infatti, che i comuni siciliani, e nel caso che ci occupa il comune di Castelvetrano che, pur avendo i conti perfettamente in ordine (rendiconto e bilancio regolarmente approvati dal un commissario regionale dovrebbero dare garanzie di correttezza e bontà dell’azione amministrativa!), abbia problemi di liquidità è noto a tutti e dallo scrivente sempre apertamente dichiarato senza nessuna remora.
Sulle cause, eventuali responsabilità e capacità amministrative varie, se ne parlerà compiutamente nella imminente campagna elettorale. Ma andiamo oltre.

Appare opportuno precisare che il comune di Castelvetrano ha ad oggi puntualmente provveduto al pagamento degli stipendi ai dipendenti di ruolo ed ha altresì anticipato dal mese di gennaio 2016 (9 mesi) il trattamento economico ai dipendenti precari della Regione sostenendo esborsi mensili per €355mila circa.

Matura crediti per tale motivo di diversi milioni di euro dalla Regione. E’comunque falso affermare che i precari non percepiscono lo stipendio da due mesi. Invero, gli stessi non hanno avuto corrisposto al 27 di ottobre il pagamento di quella unica mensilità. Ma vi è di più; è sfuggito al Pd ed alle associazioni sindacali che già ieri l’altro ed oggi la Giunta di Governo di questa città ha approvato il piano di fabbisogno del personale e la delibera di stabilizzazione dei precari per il triennio 2016/2018. Vorrei comprendere dove sono stati entrambi e di cosa vogliono parlare?

Io oggi vorrei, invece, dire, come peraltro ho sempre fatto, la verità delle cose.
All’inizio della settimana presso la sede di Castelvetrano del Pd, i massimi esponenti provinciali, e segnatamente il coordinatore provinciale, quello comunale, un ex consigliere comunale, che riveste attualmente l’incarico di dirigente regionale a contratto, ed alcuni precari dell’ente, i 4 o 5 che verosimilmente appoggeranno dei candidati di quel partito, alle prossime amministrative del 2017, hanno convocato le organizzazioni sindacali, che sono certo abbiano partecipato all’incontro in assoluta buona fede, per affrontare e discutere di problemi che conoscono bene, omettendo tuttavia di chiedere notizie all’unico organo che a Castelvetrano avrebbe potuto loro darle, cioè il Comune.

Un partito di governo ha il dovere di affrontare e tentare di risolvere le questioni confrontandosi con i diversi livelli istituzionali deputati. Tale caratteristica difetta nei signori del partito democratico della mia città, che avrebbero tuttavia esperienza e conoscenze palermitane utili alla risoluzione dei problemi. Comprendo che sono impegnati a vincere il referendum prima, e le elezioni dopo. Non si preoccupino però dei precari del Comune dei cui problemi si occupa il loro Sindaco che non lascia, cosa che accade in altri comuni della Sicilia, il personale precario del proprio Ente con oltre 10 mensilità arretrate.

Solo per scrupolo di completezza di ragionamento ad oggi non ho ricevuto nessuna richiesta di incontro dalle associazioni sindacali firmatarie del documento