Salvo D’Angelo, presidente dell’Acu, Associazione Consumatori Utenti, ha preso posizione sulla chiusura di dieci uffici delle Poste Italiane in provincia di Trapani.

Comprendiamo l’esigenze economiche imprenditoriale di Poste Italiane, ma non possiamo rilevare come la chiusura degli uffici cagionerà danni ai consumatori. Pensate a quanti anziani vanno e vengono per ritirare pensioni e libretti postali.

Auspico che Poste Italiane possa organizzarsi per eseguire servizi più appetibili e rendere meno complicate le interminabili file che coloreranno gli uffici sopravvissuti. Il nostro impegno, dal giorno dopo la chiusura, sarà quello di chiedere alternative concrete alla gestione dei servizi postali, a beneficio dei consumatori e dei professionisti che operano col mondo postale