Sono parecchie le iniziative lanciate negli negli ultimi anni dal “Laboratorio Castelvetrano in progress” coordinato dall’Arch. Pietro Craparotta, in collaborazione con l’Associazione Confabitare Trapani e con cittadini che volontariamente hanno espresso l’intenzione di mettere le loro esperienze a servizio della cittadinanza.

Un gruppo di persone che mettono a disposizione della comunità le proprie esperienze. 
Aderire è molto semplice: basta contattare i coordinatori tramite l’email info@noilaboratoriocivico.org.

A seguire una selezione di alcuni dei progetti già svolti o in corso di attuazione:

• Regolamento per le agevolazioni tributarie da concedere alle attività produttive/servizi nell’ambito del “Non sistema delle 3 piazze”;


• Il marketing urbano e la creazione d’impresa nel “Non sistema delle tre Piazze”;


Verifica della perimetrazione urbana del 1967 – Chiarire la “Definizione del centro abitato in attuazione della Legge Urbanistica n. 1150 del 1942”, quindi una esatta disamina della situazione urbanistico – edilizia degli immobili realizzati nel territorio del Comune di Castelvetrano nel periodo temporale 1942-1967. E’ fondamentale e necessario fornire ai cittadini una esatta delimitazione del centro abitato riferito al costruito del 1942 e chiarire definitivamente se il loro immobile è in regola con le norme urbanistiche o necessita di sanatoria amministrativa.


Partecipazione all’iniziativa varata dal Cipe – bellezza@governo – 151 milioni per la valorizzazione di siti culturali, segnalare “un luogo pubblico da recuperare , ristrutturare o reinventare per il bene della collettività”. I cittadini segnalano i 5 gioielli del nostro territorio: 
- Lago trinità Delia;
- Campo Avviazione;
- Castelvetrano sotterranea;
- Itinerario per le Antichità;
- Parco Archeologico di Selinunte;
- Riserva e Preriserva;


lo slogan:”Io non voto”, chiedendo anche ai candidati a sindaco, di valutare la possibilità di non dare disponibilità alle candidature in attesa del risultato della commissione d’indagine. Successivamente, ha inviato una lettera al Prefetto di Trapani e al Ministro dell’Interno Minniti dove, ufficialmente, chiedeva di rinviare le elezioni a Castelvetrano, qualora, entro l’ 11 giugno, la città non avesse ancora conosciuto i risultati del lavoro svolto dai commissari prefettizi. Votare, senza sapere gli esiti della lunga e importante indagine investigativa dei commissari per noi, di Laboratorio Civico, continuava ad essere un grave errore che inficiava anche il libero voto di tutti “NOI”. “NOI Laboratorio civico” voleva recarsi alle urne e tutti i castelvetranesi avevano il diritto di partecipare alla competizione elettorale “LIBERI” da ogni “DUBBIO”


• Presentazione del Prof. Falmi alla Commissione Prefettizia, al Direttore Ente Parco al fine di programmare un work shop – Iniziativa da sottoscrivere tra l’Accademia di Brera, L’Ente Parco Archeologico di Selinunte, il Comune di Castelvetrano e l’Associazione Confabitare Trapani – possibili progetti utili a riqualificare contesti urbani e archeologici presenti sul territorio di Castelvetrano Selinunte e realizzazione di collezioni di opere che riguardano il contesto paesaggistico e archeologico, cosi come manifestato dall’allieva dell’Accademia Helena Buscemi, nostra concittadina.


• Partecipazione al bando pubblico del Consorzio Trapanese per la Legalità e lo Sviluppo per la concessione di contributi ad Enti e Associazioni senza scopo di lucro per la realizzazione del programma della legalità anno 2017:

- Creatività degli studenti per la Legalità

– Adotta un angolo della tua Città