Il campetto di Marinella di Selinunte è e rimarrà un pericolo per i nostri bambini – dichiara Alessio Cottone, presidente dell’Associazione “Pensiamoci noi”, che nei giorni scorsi ha presentato una petizione per la messa in sicurezza ed il ripristino del campetto, sottoscritta da molti concittadini.

La recinzione esterna pericolante, le porte instabili, prive dei sostegni posteriori e il manto erboso sporco e non uniforme non permettono il consueto svolgimento delle attività consone alla destinazione dello spazio.- prosegue Cottone, che si chiede “quale senso di responsabilità animi la giunta comunale di Castelvetrano, nel momento in cui -non certo casualmente – pochi giorni dopo l’avvio della petizione, emana un avviso per manifestazione di interesse per la concessione in comodato d’uso del campetto.

I nostri piccoli continueranno a giocare nello spazio di Marinella di Selinunte anche nel periodo che precederà l’affidamento: mi chiedo chi si debba assumere la responsabilità di un più che probabile incidente.

Si svegli l’Amministrazione comunale e, in attesa di espletare le procedure di affidamento, al momento senza una data di scadenza, metta al più presto in sicurezza il campetto- conclude Cottone. – Una spesa contenuta potrà scongiurare conseguenze tanto più gravi in quanto facilmente evitabili”