È la squadra che vanta il maggior numero di tifosi d’Italia, dalla Sicilia fino alla Valle d’Aosta, ed è anche il club con più titoli nazionali nel proprio palmares. Proprio per questo la Juventus porta sempre con sé molte aspettative di vittoria, qualsiasi sia la competizione nella quale si trova coinvolta e in ogni momento della stagione. L’inizio del campionato 2017-18, quello attualmente in corso, ha visto i bianconeri titubare leggermente mentre cercavano un nuovo equilibrio dopo la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. Favorita dagli esperti delle scommesse calcistiche di bet365 per quanto riguarda il risultato finale del campionato nostrano, la Vecchia Signora si è infatti ripresa iniziando un percorso importante di risultati vincenti dal mese di novembre.

Seconda in classifica a un punto dal Napoli, la squadra torinese vanta comunque tantissima esperienza in più rispetto agli azzurri, oltre a una serie di ricambi superiore per poter schierare quasi sempre una formazione competitiva al massimo. Dopo la vittoria per 1 a 0 al San Paolo il 1 dicembre scorso, infatti, gli uomini allenati da Massimiliano Allegri hanno trovato concentrazione e continuità di rendimento per allontanare le inseguitrici Roma e Inter e dare inizio a una fuga a due insieme agli azzurri. Siamo adesso arrivati a un importante momento nella stagione dei torinesi, che sono ancora in corsa in tutte e tre le competizioni possibili: campionato, Coppa Italia e Champions League. Specialmente quest’ultima, che è la spina nel fianco dei bianconeri dopo la serie di insuccessi europei dall’ultima vittoria datata 1996, è una competizione che sta molto a cuore e sulla quale vi sono una serie di aspettative importanti.

In quest’ottica assume estrema importanza il doppio scontro con il Tottenham per la qualificazione ai quarti di Champions League. Oltre al cospicuo premio in denaro, passare al round successivo della competizione per club più importante d’Europa, e per molti anche del mondo, sarebbe non solo la conferma del potenziale dei bianconeri ma soprattutto darebbe un’ulteriore iniezione di fiducia a una società che in Italia domina ma nel continente non è ancora riuscita a ritagliarsi uno spazio importante. Giocare il match di ritorno fuori casa potrebbe essere uno svantaggio, ma Allegri ha dimostrato di riuscire a tenere testa a chiunque e nelle situazioni più svariate. Ora che ha recuperato Paulo Dybala, il tecnico toscano può tornare a disporre dei suoi giocatori più importanti.

Con la divisione delle energie tra campionato e coppe, la Juventus dovrà cercare quindi di capitalizzare al massimo ogni sforzo, anche perché la Champions notoriamente è foriera di stanchezza fisica e mentale. Sarà dunque importate gestire al meglio ogni energia per non perdere di vista i due obiettivi: nonostante in Champions non sia favorita, la Juventus ha un prestigio da difendere e dopo aver vinto 6 titoli nazionali consecutivi si sente in obbligo di confermarsi in Europa. Molto dipenderà dal calendario e dagli incroci dei prossimi tre mesi, per un di un finale di stagione thriller nel quale il sangue freddo di Allegri sarà fondamentale per trovare la via della vittoria.