neri-crescente.jpg

Il prefetto di Trapani ha firmato la deroga che autorizza l’Amministrazione Comunale ad intitolare a Pasquale Simone Neri ed a Luca Crescente due strade che insistono nel territorio comunale.

L’autorizzazione prefettizia si è resa necessaria poiché non sono trascorsi 10 anni dalla scomparsa del magistrato castelvetranese, e solo pochi mesi dalla tragica ed eroica morte del marinaio messinese.

Simone Neri, sottocapo di prima classe della Marina, è l’eroe di Giampilieri. Ha salvato otto persone, sacrificando la sua vita. Stando al racconto della sua fidanzata, nonostante fosse in salvo dal nubifragio ha raccolto le richieste di aiuto che sentiva attorno a sé. Ha cominciato così a portare in salvo parenti e persone, accompagnandole sul tetto di una casa. Poi alle 21 l’ultima telefonata alla sua fidanzata “C’è un bambino che piange, vado a salvarlo. Qualsiasi cosa succeda, ricordati che io ti amo“.

Questo suo eroismo ha naturalmente mosso il popolo di Facebook, essendo sorti numerosi gruppi a lui dedicati, ed il Sindaco della città di Castelvetrano, Dr. Gianni Pompeo, ha così accolto anche le richieste di alcuni studenti universitari che avevano chiesto all’Amministrazione di ricordare ad imperitura memoria l’eroico gesto.

E così a Simone Neri sarà intitolata la nuova arteria, nella parte nord della via Giallonghi che conduce alla nuova casa comunale, dall’intersezione con via Mascagni a quella con la via Lucentini. Mentre il piazzale antistante gli uffici giudiziari di via Sardegna, sarà intitolato al magistrato castelvetranese Luca Crescente che aveva appena 39 anni quando, il 26 agosto del 2003, venne a mancare prematuramente. Era un magistrato capace, competente e indipendente, così efficacemente descritto in una nota di elogio dall’ allora procuratore della Repubblica di Palermo Giancarlo Caselli: «È proprio per merito del sacrificio dei magistrati volenterosi e capaci come te che un ufficio come il nostro può riuscire a mantenere un livello professionale di accettabile livello, nonostante le immense difficoltà d’ ogni genere».