A fine agosto, una delegazione dei Radicale, ha eseguito una visita ispettiva presso la casa circondariale di Castelvetrano
(clicca qui per i dettagli)

In questi giorni l’On. Rita Bernardini ha presentato un’interrogazione parlamentare in cui segnala una serie di gravi carenze.

L’istituto è gravemente sovraffollato: i detenuti presenti sono 97, a fronte di una capienza regolamentare di 46 posti. Le celle, che misurano circa 8 metri quadrati, pensate per ospitare un detenuto, ne ospitano generalmente due e in alcuni casi perfino tre. Inoltre, la pianta organica prevede 61 unità, gli agenti assegnati sono 67, ma tra distacchi e congedi quelli in servizio sono soltanto 55.

Altro problema da non sottovalutare è di carattere sanitario: presso il carcere è assicurata la presenza di un medico 24 ore su 24 soltanto nelle giornate di venerdì, sabato e domenica mentre nel resto della settimana il presidio sanitario è attivo fino alle 20.00.