Il sottoscritto Ninni Vaccara, in qualità di Consigliere Comunale INTERROGA l’Amministrazione Comunale per sapere .

1) Chi riscuote e a che titolo e a chi vanno i soldi delle soste a pagamento che erogano attualmente i parcometri elettronici , servizio affidato alla società SIS srl di Perugia che è scaduto il 20 maggio 2010 e dal 20 giugno 2010 del tutto sospeso e i 7 ausiliari della sosta e del traffico , che normalmente ne curano il servizio , da allora sono disoccupati e fino alla data di oggi , non hanno firmato nessun nuovo contratto .

2) Come mai non è stata data una comunicazione ufficiale alla cittadinanza o fatto un avviso pubblico della sospensione del servizio, continuando a far pagare a turisti e residenti un servizio di fatto scaduto e sospeso .

3) Come mai non sono state disattivati o spenti i parcometri elettronici , visto che il servizio era sospeso e addirittura detti distributori sono stati regolarmente alimentati con carta per erogare gli scontrini e regolarmente svuotati del loro contenuto economico .

E per sapere inoltre se la Delibera di GM n° 171 del 15/04/2008, che aumenta gli stalli della sosta a pagamento da 380 a 420 posti auto , ha tenuto conto dell’art.7 comma 8 del codice della strada che stabilisce che “ qualora il comune assuma l’esercizio diretto del parcheggio con custodia o lo dia in concessione ovvero disponga l’installazione dei dispositivi di controllo di durata della sosta di cui al comma 1 ,lettera f ), su una parte della stessa area o su altra parte nelle immediate vicinanze , deve riservare una adeguata area destinata a parcheggio rispettivamente senza custodia o senza dispositivi di controllo della durata della sosta “ e se è a conoscenza inoltre della decisione della Sezioni unite della Cassazione che con sentenza n°116 del 9 gennaio 2007 ha confermato che è nullo il verbale di accertamento e contestazione per sosta vietata in un’area di parcheggio a pagamento se nella zona non è presente un’area di parcheggio libera.