“Ingroia morirà”. Minacce di morte contro il procuratore aggiunto Antonio Ingroia, fatte pervenire attraverso una telefonata anonima giunta al centralino del palazzo di giustizia di Palermo.

Una voce dal marcato accento siciliano avrebbe parlato dell’intenzione di attentare alla vita del pm molto esposto. Sono stati cosi’ rafforzati i servizi di sicurezza e la scorta al magistrato che coordina l’inchiesta sulla presunta trattativa tra Stato e mafia e alcune delicate indagini contro le cosche mafiose.

(AGI)