Le forti piogge che ieri hanno interessato il territorio di Castelvetrano hanno creato non poche difficoltà alla viabilità, ad alcune abitazioni e anche all’interno dell’Ospedale “Vittorio Emanuele II”.

Alcuni lettori ci hanno infatti segnalato la presenza di infiltrazioni nei corridoi posti al quinto piano del locale nosocomio. La direzione sanitaria si è subito attivata per affrontare l’emergenza e per questo motivo già questa mattina sul posto erano presenti gli operai di una ditta specializzata per risolvere il problema. Le infiltrazioni d’acqua questa volta hanno interessato i corridoi nei pressi del reparto di anatomia patologica mentre lo scorso mese avevano interessato quelli adibiti al servizio dialisi.

“Nonostante le grandi difficoltà – precisa il Dott.Abate, vice direttore della struttura – gli operai sono intervenuti immediatamente con grande senso di responsabilità, professionalità e di assoluto rispetto per il bene comune

Serena Navetta del TDM di Castelvetrano ha così commentato:

Certamente non è normale che piova all’ interno di un ospedale, ma tutti oramai siamo coscienti della situazione economica difficile e drammatica in cui versano gli ospedali del territorio e non solo. Sicuramente la nostra struttura ospedaliera avrebbe necessità dopo tanti anni di un po di attenzione e di investimenti, ma che negli ultimi anni non ci sono stati.

Molti utenti hanno puntato il dito su questo episodio, ridicolizzando ed offendendo il nostro ospedale. Noi del Tribunale per i Diritti del Malato, che viviamo giornalmente la difficile realtà ospedaliera insieme al personale e dirigenti non accettiamo il sentimento espresso dagli utenti. Invece vogliamo informare la cittadinanza che nonostante le criticità, già alle prime ore di questa mattina sono iniziati i lavori per rimediare al problema, ripristinando i locali e rendendoli sanificati e totalmente utilizzabili all’ utenza.

Da subito si è mobilitato l’ intero personale del nosocomio, nessuno ha ignorato questa incresciosa pioggia interna, per cui noi non la chiamiamo ” vergogna” come invece è stato detto da piu utenti, purtroppo può capitare anche nelle nostre case. L’ ospedale è un bene comune, di tutti noi. Esso soprattutto in questi ultimi mesi ha bisogno del sostegno dei suoi cittadini e non di essere continuamente screditato ad ogni occasione. Il futuro del nostro presidio è incerto.

Bisogna apprezzare il lavoro degli impiegati tutti … anima di questa struttura specchiata, perché credeteci … è solo grazie alla loro volontà, al loro sacrificio ed al loro forte senso di responsabilità che rendono questo ospedale efficiente, garantendo assistenza nonostante tutto, ai suoi 135.000 abitanti, perché il ” Vitt. Emanuele II ” non appartiene solo ai castelvetranesi bensì all’ intero territorio belicino. Che ben vengano le critiche ma che siano consapevoli e costruttive. Noi del TDM saremmo stati i primi a prendere adeguato provvedimento se avessimo notato da parte dei dirigenti un comportamento superficiale e menefreghista, invece abbiamo assistito ad un comportamento responsabile e tempestivo. Carissimi cittadini del Belice, il nostro ospedale ha bisogno di voi, come voi di esso. Apprezziamo questa realtà oggi e difendiamola. Non rimpiangiamola in futuro, forse non troppo lontano