Soldi CastelvetranoMentre la terra trema gli sciacalli tramano come profittare del terremoto: Le principali agenzie assicurative: Generali, Toro, Assitalia, Ina, Fondiaria Sai, stanno zitti zitti lavorando ad una bozza di polizza Anti-calamità naturali da imporre al governo e al popolo.

Si tratterebbe di far sborsare ai quasi 30 milioni di proprietari di abitazioni 120 euro all’anno obbligatoriamente per far felice le casse del cartello assicurativo italiano che se ne strafottono della crisi e delle difficoltà economiche che il popolo sta attraversando!

Secondo la bozza delle compagnie, il contratto assicurerebbe terremoti, maremoti, frane, alluvioni, inondazioni, e fenomeni vulcanici ma non sarebbe accorpata alla già esistente, ma non obbligatoria, polizza Anti-incendio dalla copertura sarebbero esclusi gli immobili abusivi e gli eventuali contributi dello stato per i danni subiti dai fabbricati.

Così come sarebbero escluse dalla polizza le infrastrutture pubbliche e i beni immobili appartamenti enti pubblici nonché i beni industriali e commerciali assicurativi in via facoltativa con il mercato. Facendo due calcoli il cartello di assicurazioni incasserebbero premi annui per circa 3,5 miliardi di euro a fronte di una rischiosità decennale di circa 6,5 miliardi.


Nella proposta le compagnie avrebbero previsto l’esenzione fiscali per non meno di 5 anni dei premi assicurativi e delle relative riserve catastrofali di equilibrio, con la conseguenza che, per i primi anni, non pagherebbero imposte sulle riserve per i rischi catastrofici.
Naturalmente per far scattare il rimborso da parte della compagnia sarà necessaria la dichiarazione dello stato di emergenza da parte del governo dunque se un assicurato subisse danni superiori a 10,000 euro in un’area in cui non venisse dichiarato lo stato di calamità l’assicurato si “attaccherebbe al tram” senza ricevere un solo centesimo !

Insomma cari amici siamo di fronte all’ennesimo business miliardario degli oligarchi sulla già anemica pelle del popolo !!
Passate parola e alzate la voce affinché i politici non s’azzardino a far passare quest’altra Porkata contro il popolo.

Peppe Fontana