stalkingI carabinieri di Salemi, in provincia di Trapani, hanno arrestato un impiegato comunale per stalking nei confronti della moglie.

In manette e’ finito G.M., 39 anni, il quale da tempo perseguitava la donna che a giugno, dopo l’ennesimo litigio, era andata a vivere con i propri genitori. Gia’ all’indomani della separazione, pero’, l’uomo ha iniziato a minacciare di morte la moglie e a perseguitarla con telefonate ed sms molesti, pedinamenti e lunghe attese sotto la casa dei suoceri per convicerla a tornare a casa.

La donna ha quindi lasciato l’abitazione dei genitori per rifugiarsi a Castelvetrano ma il marito ha continuato a prendere di mira i suoi familiari e cosi’ ha deciso di denunciarlo. Adesso G.M. si trova rinchiuso nel carcere di Marsala e dovra’ rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, ingiuria, diffamazione, minaccia, danneggiamento, molestia e stalking. (ITALPRESS)