L’Amministrazione Comunale di Castelvetrano, guidata dal Sindaco Gianni Pompeo, appresa la notizia del grave attentato ai danni di un cane colpito con un colpo di fucile ha così commentato: “Nel condannare con fermezza il bieco attentato perpetrato ai danni di un povero ed indifeso animale, auspichiamo che tali episodi, indegni di un paese civile, non abbiano più a ripetersi, poiché l’amore per gli animali è uno di quei sentimenti più puri che si possano provare e dispiace che esistano persone che in spregio a questi sentimenti, possano deliberatamente far male a questi poveri animali – afferma il sindaco- nel ringraziare i volontari dell’associazione che con tanto amore accudiscono i cani randagi è giusto sottolineare come la nostra Amministrazione nel corso degli anni ha veramente fatto tanto per dotare la città di tutti quegli strumenti utili per dare aiuto ed assistenza ai randagi- continua Pompeo- all’atto del mio insediamento esistevano solo pochi box abbandonati, nel corso degli anni abbiamo creato una struttura dotata di tutti gli impianti adeguati, abbiamo stipulato una convenzione con due veterinari che forniscono assistenza 24 ore su 24, con un altro veterinario che si occupa di tutti gli interventi di natura specialistica, abbiamo stipulato una convenzione con un’associazione che si occupa di accudire i cani e ritengo che la nostra città possa essere considerata all’avanguardia in provincia per quei servizi che abbiamo fornito ai migliori amici dell’uomo”.

Gli fa eco l’assessore all’ambiente Giovanni Culoma: “ Quest’amministrazione ha fatto veramente tanto per far nascere il canile municipale, abbiamo portato ad un numero di 80 i box di contenimento dei cani, abbiamo allargato a 4000 mq l’area deputata alla sgambatura dei cani, abbiamo messo a disposizione dei volontari della Laica un mezzo fuoristrada comunale per il recupero dei cani malati o abbandonati- continua l’assessore- per non parlare delle convenzioni recentemente stipulate con i comuni di Campobello di Mazara e Partanna per le operazioni di sterilizzazione e microcippatura”.