terraTerrà, il multimediale edito dall’assessorato Agricoltura e foreste della Regione Siciliana, da domani sarà in edicola con il numero di luglio-agosto.

E darà in anteprima i risultati della prima fase del progetto Fisica (Filiera siciliana per l’agroenergia), ovvero dell’energia rinnovabile di origine agricola: 648,2 quintali di Brassica carinata prodotti nell’ultimo anno da 28 aziende, con una media di 20-25 quintali per ettaro. Un mondo ancora da esplorare e nel quale Terrà ha deciso di mettere piede, fornendo, provincia per provincia, i risultati ottenuti e i nomi delle aziende che hanno partecipato.

A fare registrare le migliori performance sono state Enna, Caltanissetta e Agrigento, con due picchi raggiunti a Palermo (41 quintali per ettaro ad Alia) e a Trapani (40 quintali per ettaro a Paceco).

“In tema di agroenergia – dice il direttore responsabile Gaetano Mineo – la Sicilia è la prima regione italiana ad avere coltivato questo tipo di Brassica. Un bel primato supportato dalla politica e messo in vita dalla ricerca, che nell’Isola sembra prendere sempre più corpo”.

Grande attenzione è stata dedicata anche al tema degli incendi, una vera e propria calamità che quest’anno ha provocato decine di vittime e ha distrutto migliaia di ettari. “Di fronte a una tale calamità – afferma l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni La Via – sono stati messi in atto, da una parte, gli interventi aerei della Protezione civile e quelli terrestri del Servizio antincendio del Corpo forestale; dall’altra stiamo lavorando per la prevenzione di tali flagelli. E proprio per questo – aggiunge La Via – è arrivato il momento di chiedere con forza una puntuale applicazione della legge 353 del 2000, legge-quadro in materia di incendi boschivi, che prevede la realizzazione di un catasto delle aree annualmente percorse dal fuoco in modo da potere imporre vincoli differenti in termini urbanistici e di attività economiche possibili”.

Nel numero di luglio-agosto, distribuito in 40 mila copie, si parla anche del nuovo Psr, della riforma Ue sullo zuccheraggio, di sicurezza alimentare e della peronospora, il fungo che ha messo in ginocchio il comparto vitivinicolo isolano. Segue la consueta vetrina delle nove province dell’Isola.

La rivista è anche scaricabile in pdf dal sito internet:
www.terra-multimedialeagricoltura.it

Documenti:
Elenco completo dei vitigni coltivati in Sicilia

Gara Ue per destinare alcol vinico alla produzione di bioetanolo

Viticoltura di qualità – linee guida

(fonte alice.it)