pane nero di castelvetranoFare nascere un consorzio tra i produttori per lanciare definitivamente il prodotto “Pane Nero di Castelvetrano” con un apposita campagna di marketing sulle testate giornalistiche nazionali, e mettere un punto alle beghe ed agli autocompiacimenti che non portano alla crescita del prodotto.

Questi i due impegni sostanziali presi dai panificatori alla presenza di un folto gruppo di parlamentari nazionali e regionali che hanno accolto l’invito lanciato dall’Amministrazione comunale per la tavola rotonda tenutasi la scorsa domenica, presso il Teatro Selinus, avente per oggetto “Il Pane Nero di Castelvetrano” come valore aggiunto per lo sviluppo dell’economia.

Organizzato dai settori polizia municipale e sviluppo economico, in collaborazione con l’associazione nazionale Città del Pane, il convegno non è stata la solita elencazione di problematiche ,ma si sono poste le basi per una programmazione economica che possa risultare vincente, grazie anche agli impegni concreti assunti dalla deputazione presente e dagli amministratori locali e provinciali. L’ On. Nicola Cristaldi ha sottolineato come è impensabile che un prodotto così buono non abbia gli adeguati canali distributivi nelle grandi città italiane, i parlamentari regionali Pio Lo Giudice e Livio Marrocco, nel sottolineare le qualità del prodotto hanno garantito che si faranno promotori di iniziative, in seno all’Assemblea Regionale, per garantire i riconoscimenti di legge e per certificarne l’origine e la tipizzazione.

Il presidente della Provincia Mimmo Turano ha preannunciato l’avvio di una promozione pubblicitaria, sui maggiori network nazionali, di una campagna che promuova i prodotti d’eccellenza della gastronomia trapanese, con in testa il pane e l’olio di Castelvetrano, l’assessore ai grandi eventi Maria Giovanna Maglie ha rilanciato l’idea di legare un importante testimonial nazionale al pane nero, ed ha invogliato i produttori a mettersi insieme per commercializzare su scala nazionale il loro prodotto, ricordando come quando faceva l’inviata della Rai a New York, si faceva arrivare sempre i prodotti d’eccellenza italiani. Su quest’argomento anche l’assessore allo sviluppo economico, Felice Errante, ha ricordato come, grazie alle società di spedizione con un costo di 80 centesimi al chilo, si possa fare arrivare il pane ogni mattina in ogni parte d’Italia, e di come la creazione di un consorzio possa stimolare l’economia cittadina con al creazione di decine di posti di lavoro. Sono intervenuti anche il coordinatore nazionale di Città del Pane, Paolo Baronti, il presidente provinciale della C.I.A., Giuseppe Aleo, che ha lanciato l’idea di un marchio provinciale che attesti la qualità dei prodotti e Felice Crescente dell’Assessorato regionale all’agricoltura, che ha parlato del nuovo marchio Sicilia Agricoltura per la promozione.