Abbiamo il dovere di tutelare i Comuni i cui organi elettivi siano stati sciolti in conseguenza a fenomeni di infiltrazioni e di condizionamenti di tipo mafioso, trasformando un provvedimento che viene erroneamente visto come una scure che si abbatte per l’intera popolazione come fatto positivo e come opportunità non soltanto per il ripristino della legalità violata ma anche per il rilancio socio-culturale ed economico”.

Lo dice il parlamentare regionale PD Baldo Gucciardi primo firmatario di un ddl che propone il riconoscimento di zona Franca per la legalità per i Comuni sottoposti ai provvedimenti di scioglimento per infiltrazione mafiosa.

“Lo scioglimento, non ha solo conseguenze politiche, – spiega Gucciardi – ma influisce direttamente sulla governance dei Comuni e, di fatto, il commissariamento, messo in atto con l’obiettivo di riportare ordine e legalità nelle amministrazioni locali, si ripercuote sulle scelte di bilancio talora con effetti negativi sugli investimenti.

L’intervento dello Stato a garanzia della legalità, insomma – continua – non può e non deve pesare sulle attività produttive del territorio tanto da far vivere come un danno, un provvedimento che dovrebbe, invece, essere percepito come tutela. E’ indispensabile – conclude Gucciardi – dare sostegno alle aziende presenti nei territori fortemente condizionati dalla mafia e che hanno il coraggio di denunciarla per combatterla innescando un circolo virtuoso che abbia come obiettivo la crescita socio-culturale di un territorio”.

mercoledì 14 marzo 2018