Sabato scorso si è felicemente conclusa la settimana di accoglienza rivolta a 18 studenti e 6 docenti provenienti rispettivamente dalla Grecia, Polonia e Spagna, nell’ambito del progetto Erasmus Plus, Natural Spaces.

Si è trattato di un percorso ricco di iniziative e particolarmente coinvolgente dal punto di vista umano.
I ragazzi stranieri sono stati infatti accolti con enorme affetto, da famiglie del territorio, nelle rispettive dimore.

La settimana, che si è aperta con un gradevole spettacolo di accoglienza presso l’aula magna del Liceo Scientifico “M. Cipolla” di Castelvetrano conclusosi con la partecipazione dei tamburi aragonesi del Corteo di Santa Rita, ha alternato momenti di riflessione su tematiche specificatamente inerenti al progetto, quali: l’educazione ambientale, con la visione di video e presentazioni power point sulle buone e cattive pratiche nei diversi paesi; l’imprenditoria giovanile,nell’ambito della green economy, con idee originali su innovative start up da realizzare; la mappatura digitale, che ha consentito di conoscere, in modo più approfondito, i luoghi di provenienza dei diversi partecipanti e che ha avuto, come suo atto conclusivo, la creazione di un puzzle rappresentativo delle diverse realtà geografiche, offerto dalla Ditta Polimagie di Castelvetrano.

Momenti particolarmente significativi sono stai il workshop, sulla legislazione in ambito europeo, tenuto dall’avvocato Patrick Cirrincione, che ha fatto seguito al workshop sulla legislazione italiana, precedentemente realizzato dalla prof.ssa Giardina del Liceo delle Scienze Umane; le attività laboratoriali, presso la Riserva di Santa Ninfa, a cura della dott.ssa Casamento; la visita alla Cantina Sottesoli di Menfi, quale esempio di sostenibilità, e dell’Orto Botanico di Palermo, per conoscere la flora del luogo.

Particolare rilievo è stato, altresì, dato alla visita del territorio, che è stato fortemente apprezzato dai partecipanti: Parco Archeologico di Selinunte, Monreale, Palermo, Trapani, le saline (con la visione di un interessante documentario presso il Museo del Sale), Erice.

Apprezzata anche la gastronomia siciliana, con un buffet offerto dai genitori ed una degustazione di prodotti tipici siciliani gentilmente offerti da realtà commerciali quali: Antica Pasticceria Siciliana, Bitti, Casablanca, Giancontieri, Martino, Pane e Sapore, Tosto, Vivona.

Pure il folklore locale ha rivestito un ruolo di primo piano, con uno spettacolo tenuto dal gruppo folkloristico “Ciuri d’Acantu” di Campobello, che ha rallegrato l’uditorio con danze e canti locali , alternati a quelli dei paesi ospitati: flamenco, sirtaki, musiche e danze polacche.

Per fare conoscere Castelvetrano, è stata organizzata una caccia al tesoro lungo le vie della cittadina, che è culminata nella visita della splendida Chiesa di San Domenico, seguita dal saluto di benvenuto dato dalle massime istituzioni politiche comunali: il Commissario Straordinario, dott. Messineo, ed il Sindaco della città, dott. Felice Errante.

Si è trattato di un momento particolarmente significativo che ha dimostrato come le istituzioni, nonostante i molteplici impegni, sappiano valorizzare l’importanza di tali iniziative, a livello europeo, atte a creare pace tra i popoli così come pure a educare le generazioni future alla tolleranza ed al rispetto del diverso da sé.
E’ stato per me davvero bello poter tradurre dall’italiano all’inglese le parole, così ricche di pathos, dei due politici i quali, pur riconoscendo i mille problemi che attanagliano la nostra terra, hanno invitato i ragazzi a creare una società migliore, priva di stereotipi ed inutili pregiudizi, basata sul rispetto della cosa pubblica e, soprattutto, sull’orgoglio di appartenere a luoghi di incontestabile bellezza da valorizzare opportunamente attraverso lo studio e l’impegno personale.

Un ringraziamento, in ultimo, ai colleghi che, assieme a me ( Anna Neri), hanno reso possibile tutto ciò: i proff. Francesco Saverio Calcara, Anna Maria Gucciardo e Anna Sammartano.

Anna Neri