Al Dirigente dei servizi finanziari
Dr. Di Como Andrea

Attese le continue richieste da parte delle imprese, esecutrici di lavori, servizi e forniture per conto del Comune, per avere corrisposti i pagamenti delle loro spettanze, alcune risalenti anche all’inizio dell’anno, necessarie a retribuire i loro dipendenti, anch’essi cittadini di questa città.

Appare evidente che ciò è dovuto alla mancanza di liquidità nelle casse comunali dovuta in parte ai ritardi nei trasferimenti statali e regionali ed in parte alle note vicende esecutive che ha subito l’Ente.

La grave crisi economica che investe, in questo particolare momento storico, l’attività imprenditoriale anche a livello locale mi impone di adottare direttive precise non derogabili tese ad alleviare quanto più possibile tale situazione, che inevitabilmente si riflette sull’intera collettività e principalmente sulle famiglie delle piccole e medie imprese che per la carenza di risorse economiche non sono in grado di pagare il salario dei propri dipendenti.

Del che, nel rispetto delle norme di diritto positivo vigenti, con la presente La invito a dare priorità ai pagamenti alle imprese, prima ancora delle tredicesime del personale dipendente a cui, comunque, dovrà essere garantito lo stipendio della mensilità di dicembre, eventualmente non provvedendo al pagamento dei compensi dello scrivente, della giunta e dei consiglieri comunali.

E’ evidente che se la liquidità dell’ente sarà sufficiente a pagare sia i creditori che le tredicesime del personale comunale Ella provvederà conseguentemente.