Due vigili del fuoco morti e una terza persona trovata carbonizzata: è il bilancio dell’esplosione che si è verificata in una palazzina a Catania secondo quanto confermato dal sindaco Enzo Bianco. Altri due pompieri sono ricoverati in gravi condizioni all’ospedale Garibaldi.

L’esplosione, dovuta probabilmente ad una fuga di gas, si sarebbe verificata al piano terra di una palazzina. La persone deceduta nell’abitazione sarebbe un sessantenne che viveva nella palazzina e che lavorava come venditore e riparatore di biciclette. Uno dei vigili del fuoco che ha perso la vita nell’incidente è di Trapani e si chiamava Giorgio Grammatico. Un giovane di appena 37 anni conosciuto anche per la carriera sportiva nel Trapani Calcio e nel Marsala.

Testimoni raccontano che è sembrato un attentato – “Una bomba, sembrava un’attentato…”. C’è un misto di stupore e paura tra gli abitanti della zona dove si è verificata l’esplosione. “Ho sentito un boato incredibile – racconta un negoziante – e ho pensato a una bomba violenta, ho avuto una grande paura”. “Ho pensato di morire – racconta un giovane che lavora in un negozio – lo spostamento d’aria è stato così forte che ho temuto che le mura mi crollassero addosso da un momento all’altro”.

fonte. ANSA