E’ con grande emozione che annunciamo il nostro ritorno a Marinella di Selinunte.
Quella di 2 anni fa è stata un’esperienza magica per noi e abbiamo temuto potesse non ripetersi ma la nostra storia colpisce al cuore ed è per questo che siamo ancora qui.

manuel dub selinunteL’incredibile location si presta perfettamente all’idea di festival che abbiamo in mente, un luogo così unico che rispetteremo con lo stesso l’impegno profuso 2 anni fa.

Sappiamo che la quasi totalità dell’opinione pubblica selinuntina è positiva e guarda di buon occhio il nostro memorial, considerandoci un valore aggiunto al territorio.

Con questa edizione vogliamo definitivamente convincere anche quella piccola fetta di gente che considera l’alto volume della musica indice di pericolosità.

La nostra musica ha infatti una storia che nasce negli anni 70 in Jamaica, ed è la storia dei Sound System, queste accozzaglie di casse e amplificatori che la gente si autocostruiva con quello che trovava, povera di denaro ma ricca di inventiva.

Questa cultura fu trasferita dai primi immigrati caraibici a Londra in Inghilterra per avere poi un nuovo slancio che oggi, grazie al web, è diventanto un piccolo movimento internazionale. Ancora oggi la tradizione roots-reggae vuole che gli impianti audio siano rigorosamente autocostruiti e siano frutto di lavoro artigianale, a loro modo, “opere d’arte”, perchè pezzi unici.

Anche quest’anno vogliamo ricordare che ci autofinanziamo totalmente, senza alcuna forma di sponsor, ragione per cui le serate del festival prevedono il pagamento di un biglietto di ingresso che ci aiuterà nel recupero delle spese che un festival di musica internazionale comporta.
Siamo pronti ad attivarci e speriamo che Selinunte sia vogliosa di accoglierci.

Sono doverosi alcuni ringraziamenti per il nostro ritorno; avere degli interlocutori è stato il primo ed imprescindibile passo, quindi si ringraziano il Sindaco di Castelvetrano e il Direttore del Parco. Grazie anche al supporto della Barraca e Green Hand, imprescindibili compagni della nostra avventura selinuntina.

Manuel Lab Crew