compensazione crediti debiti PAIl Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte, Avv. Felice Errante, rende noto ai contribuenti, considerata l’imminenza delle scadenze dei versamenti TASI E TARI, che è possibile compensare i crediti certificati derivanti da imposte, tasse e contributi con i debiti inerenti i tributi pagabili a mezzo modello F24.

Si rappresenta che il credito si può compensare fino ad azzerare il totale dei debiti, il saldo negativo non può mai essere negativo e riportare, quindi, un’eccedenza di credito ma può, solamente, presentare un saldo positivo o pari a zero.

Chi effettua la compensazione deve rispettare le seguenti modalità nella compilazione del modello F24:

a) indicare nella colonna “ codice Tributo”, il relativo codice da cui scaturisce il credito;
b) nella colonna “anno di riferimento”, il periodo d’imposta cui si riferisce il credito;
c) nella colonna “ importi a credito compensati”, l’ammontare del credito che si intende utilizzare in compensazione.

La compensazione può essere effettuata liberamente per crediti inferiori ad € 15.000,00. Per crediti superiori a questa soglia è necessario che la dichiarazione dalla quale emerge il credito sia accompagnata da un visto di conformità rilasciato da professionista abilitato. Non è possibile, in alcun caso, compensare i crediti erariali avendo debiti iscritti a ruolo e già scaduti, che abbiano un importo superiore ad € 1.500,00.

Il limite massimo dei crediti d’imposta e contributi compensabili, dall’anno 2014, è stato elevato € 516.456,90 ad € 700.000,00