L’associazione CO.DI.CI. ha partecipato al convegno sul sequestro e confisca dei beni di provenienza illecita tenuto svoltosi presso Villa Favorita in Marsala. Hanno presentato i lavori la dott.ssa Alessandra Camassa, Presidente del Tribunale, il dr. Vincenzo Pantaleo, Procuratore della Repubblica, il dr. Alberto Scuderi e l’avv. Gianfranzo Zarzana, rispettivamente Presidente degli Ordini dei commerciali e degli avvocati di Marsala.

Nella giornata di ieri hanno relazionato giudici, docenti universitati e avvocati esperti nelle matere trattate. Dall’incontro è emerso, tra l’altro, che solo una minima parte, pari al 10/15%, del Fondo Unico Giustizia (F.U.G.) viene utilizzato a fini istituzionali mentre la restante parte rimane inutilizzato.

La domanda che CO.DI.CI. si pone è la seguente: perché vi sono aziende sequestrate o confiscate che continuano ad operare sul mercato ma con serie difficolta dovute all’amministrazione giudiziazia e il F.U.G. non viene utilizzato malgrado il serio pericolo della perdita di numerosi posti di lavoro e della eliminazione dal mercato di imprese virtuose?

Su questa questione CO.DI.CI. si propone di organizzare un serio dibattito per capire le ragioni della scelta governativa di non intervenire per salvaguardare l’occupazione e le attività economiche produttive in un periodo di crisi congiuntarale come quella attuale.

ASS.NE CO.DI.CI. – DELEGAZIONI PALERMO E CASTELVETRANO