Il “Concorso Pane Premio Roma 2011” è stato organizzato dalla Camera di Commercio di Roma: è lo strumento fondamentale previsto dal progetto di miglioramento del settore cerealicolo romano, divenuto indiscutibilmente un punto di riferimento non solo per le aziende del territorio laziale, ma anche per quelle nazionali.

Sono soprattutto i numeri di questa ultima edizione a confermarlo: 85 aziende partecipanti da 14 regioni con 121 prodotti. Tutti prodotti di eccellenza valutati da una severa Giuria di dieci degustatori professionisti composta da tecnologi alimentari, ricercatori e tecnici del Laboratorio Chimico-Merceologico della Camera di Commercio di Roma sulla base di una rigorosa griglia di requisiti organolettici e sensoriali.

Il tradizionale Pane Nero di Castelvetrano, portato in concorso da “La Bottega del Pane Rizzo”, è stato premiato tra i migliori pani e prodotti da forno tradizionali per la categoria “Pane prodotto con lievito madre”, aggiudicandosi la seconda posizione tra 121 tipi di pane su scala nazionale! Merito anche della lievitazione naturale che caratterizza il Pane Nero di Castelvetrano e consente una maggiore crescita del prodotto e una maggiore digeribilità e conservabilità.

Aldilà della tradizione legata a questo prodotto non c’è solo la passione per la panificazione, ma anche pazienza e costanza: il lievito madre con la sua lunga crescita, il suo sviluppo graduale, rapprresenta proprio questa natura con i suoi ritmi pazienti contrapposti ai nostri decisamente frenetici! La preparazione e l’uso del lievito naturale sembrerebbe essere una pratica che risale al 2500 a.C. (alle antiche civiltà egizie).

“Sono certo che il Consumatore saprà cogliere il giusto interesse e apprezzamento […] per la categoria dei fornai che svolgono il loro lavoro, con amore, passione e orgoglio, ogni notte manipolando artigianalmente l’impasto di acqua e farina per garantire, fin dalle prime ore del giorno, un pane caldo, appena sfornato. Questa antica tradizione merita rispetto, non può essere sostituita dal pane industriale, dal pane precotto e surgelato. […] Il pane, il pane vero, è solo quello che si compra dal fornaio sotto casa.”

Bernardino Bartocci, Presidente dell’Associazione Panificatori di Roma e Provincia / CNA