foto cc castelvetrano 

Prosegue incessante l’attività dei Carabinieri di Castelvetrano, ed in particolare della Stazione Carabinieri di Partanna, nell’ambito dei servizi finalizzati alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti. Durante i servizi esterni degli ultimi giorni, infatti, i carabinieri hanno fermato e controllato diversi giovani provenienti da Castelvetrano trovandoli in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti del tipo hashish e marijuana. Per i giovani è scattata la segnalazione alla prefettura di Trapani ed il provvedimento di sospensione del documento di guida. L’attività però non si è fermata a questo e sono stati intrapresi idonei servizi di osservazione e pedinamento per localizzare lo spacciatore di tali sostanze. Lo spacciatore veniva così identificato in un giovanissimo 17enne di Castelvetrano. In accordo, quindi, con la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni, mercoledì u.s., è stata eseguita una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del giovane il quale, alla completa insaputa dei genitori, deteneva una notevole quantità di sostanze stupefacente del tipo hascisc, pari a circa un chilogrammo, nonché materiali per il taglio dello stupefacente e denaro proveniente dalla vendita ai giovanissimi assuntori.

Per il giovane, di cui si preferisce non rendere note le generalità, è stato disposto il provvedimento di arresto e di traduzione presso l’Istituto Penale per i Minorenni “Malaspina” di Palermo. Dopo il provvedimento di convalida l’A.G. minorile ha disposto il regime degli arresti domiciliari in casa del giovane studente. A seguito della perquisizione sono però emersi ulteriori elementi che hanno portato ad eseguire un’ulteriore perquisizione presso la dimora di un altro giovane minorenne di Mazara del Vallo ed anche in questo caso sono stati rinvenuti altri panetti di hashish del peso di circa 200 grammi. Per quest’ ultimo, quindi, è stato disposta la denuncia a p.l. all’autorità giudiziaria minorile per i provvedimenti di competenza.

Si susseguono quindi i risultati in merito alla repressione del traffico di stupefacenti ma ciò deve indurre a considerare che questo è solo il risultato di un mercato che non và assolutamente in crisi ma anzi continua a vedere una forte richiesta soprattutto da parte dei più giovani.

Comunicato stampa: Carabinieri