Si offre ricompensa in denaro a chi saprà fornire prove per individuare il colpevole/i di un atroce delitto, perpetrato a danno di un cane che veniva accudito dall’associazione A…Fido.

E’ questo l’annuncio lanciato ieri da un gruppo di volontari a Campobello di Mazara dopo il triste ritrovamento di un randagio barbaramente ucciso.

“Nella giornata di domenica 11 febbraio – scrive Rosa Cirrotta – nella zona erbe bianche, tra le palazzine popolari e l’oleificio fontane d’oro a Campobello di Mazara, dei criminali hanno impiccato, ad un albero, un nostro cane randagio Spinone, di una bontà unica, che abbaiava solo agli estranei per difendere la sua famiglia.

Cane che, un’associazione di Bergamo che ci aiuta con i randagi, aveva provveduto a far curare e sterilizzare l’anno scorso, il quale aveva cominciato a fidarsi dell’uomo, infido e cattivo per sua natura. Nella vita chi sbaglia paga, o in terra o in cielo, e presto vi verrà chiesto il conto di quello che fate …. ASSASSINI”