Beni ritenuti ricondusibili al boss Giovanni Trapani, 56 anni, che al momento del suo arresto, nell’agosto scorso, riceveva un sussidio di disoccupazione dall’Inps sono stati sequestrati dai carabinieri di Siculiana (Agrigento).

Si tratta dello stabilimento balneare “Il capitano” dell’omonimo ristorante, entrambi in contrada Foce e intestati formalmente alla moglie di Trapani, Maria Giuseppina Triassi. Il valore stimato e’ di 3 milioni di euro. L’uomo, accusato di essere il ‘reggente’ del clan mafioso di Ficarazzi, in provincia di Palermo, aveva gia’ subito il sequestro di beni per tre milioni il 15 ottobre scorso e in quell’occasione i carabinieri avevano scoperto che l’Inps gli versava un sussidio mensile di disoccupazione di circa 700 euro.

Il sequestro di oggi, disposto dal gip di Palermo Riccardo Ricciardi su richiesta del procuratore aggiunto Ignazio De Francisci e dei sostituti Di Matteo, Viola e Mazzocco, giunge a conclusioni di indagini patrimoniali avviare nel novembre del 2008. Trapani era stato arrestato assieme ad altre sette persone nell’operazione antimafia “Iron Man”, un’indagine relativa tra l’altro a fittizie intestazioni di beni. E’ accusato di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento e traffico di droga.

(AGI)