berlusconi condannatoLa Cassazione ha confermato la condanna a Silvio Berlusconi nell’ambito del processo Mediaset sui diritti tv ma ha deciso che sull’interdizione dai pubblici uffici dovrà essere la Corte d’appello di Milano a ripronunciarsi.

La sezione feriale presieduta da Antonio Esposito ha quasi completamente accolto le richieste della Procura di piazza Cavour, con la sola eccezione che l’interdizione dai pubblici uffici nei confronti dell’ex premier dovrà essere ricalcolata.

La decisione della Suprema Corte è arrivata dopo sette ore di Camera di Consiglio. Respinti anche i ricorsi dei tre ex manager di Mediaset Frank Agrama, Gabriella Galetto e Daniele Lorenzano.


A questo punto la condanna di frode fiscale nei confronti di Berlusconi diventa definitiva e per l’ex premier tre anni della pena sono coperti da indulto. L’anno residuo dovrà essere scontato ai domiciliari o con l’affidamento ai servizi sociali. Dipenderà da quello che decide il Cavaliere.

Sull’interdizione sarà la Corte d’Appello di Milano a doversi ripronunciare con un nuovo giudizio rideterminando al ribasso la condanna che, a questo punto, non sarà più a cinque anni. La Procura al riguardo aveva chiesto fosse la stessa Cassazione a rideterminare l’interdizione al ribasso ma Piazza Cavour ha deciso che il riconteggio spetti alla Corte d’Appello di Milano.

La vicenda Mediaset riguarda la compravendita dei diritti televisivi delle reti dell’ex premier e risale al 2003. Secondo la tesi accusatoria convalidata da piazza Cavour l’ex premier ha intascato fondi neri pari a 280 milioni di euro senza pagare le tasse e commettendo frode nei confronti degli azionisti. In aula, al momento della lettura della sentenza non erano presenti i legali del Cavaliere. In rappresentanza l’avvocato Roberto Borgogno dello studio Coppi.

La condanna ora passa in giudicato e sull’interdizione il giudizio resta sospeso solo fino a quando la Corte d’Appello di Milano si pronuncerà per ricalcolarla al ribasso.

Il verdetto della Cassazione è arrivato alle 19:45, in un’aula senza aria condizionata, dove i giudici della sezione feriale sono andati dopo aver terminato la Camera di Consiglio, iniziata questa mattina alle 12.

fonte. Adnkronos