L’Agenzia siciliana del Demanio , a seguito di confisca ha assegnato all’Amministrazione Comunale di Castelvetrano un bene confiscato al palermitano Gaetano Sansone. Il terreno, che si trova in contrada Canalotto, si estende su una superficie di 27 ettari coltivati ad ulivi, con circa 2800 alberi, ben 3 ettari di macchia mediterranea con un caseggiato rurale e due laghi artificiali.

L’Amministrazione nelle prossime settimane predisporrà un apposito bando per assegnarlo ad organismi no-profit che operano nel settore. L’assessore al Patrimonio, Dr. Piero La Cascia, afferma: “ Siamo particolarmente felici per questa attribuzione poichè riteniamo che possa avere consistenti effetti positivi per la collettività sia per il valore pedagogico importante e necessario per un radicale cambiamento della cultura nonché alla creazione di occupazione legale.”