Maria Daria CangemiCon provvedimento giudiziale del Gip del Tribunale di Marsala, emesso nei confronti della dott.ssa Maria Daria CANGEMI, è stata disposta la sua archiviazione delle accuse di omicidio colposo ai danni della giovane donna incinta LEONE Maria Girolama deceduta nel maggio del 2011 dopo aver dato alla luce una bambina con un cesareo d’urgenza.

La drammatica vicenda ha condotto la Procura della Repubblica di Marsala ad indagare otto medici in servizio negli ospedali di Castelvetrano e Trapani che si erano occupati dello stato clinico della donna.

I magistrati della Procura hanno dato incarico per una perizia medico legale collegiale che già nel dicembre 2011 ha scagionato la dott.ssa Cangemi escludendo le proprie responsabilità mediche sull’accaduto. Lo stesso pubblico ministero ha richiesto l’archiviazione delle accuse nei confronti di alcuni medici indagati e fra questi della ginecologa Daria Cangemi.

Avverso tale richiesta del PM, i familiari della vittima hanno proposto opposizione e stimolato la fissazione di un’apposita udienza innanzi al Gip di Marsala che ha disposto un approfondimento delle indagini e richiesto chiarimenti ai periti medico legali che hanno ribadito di ritenere l’operato della dott.ssa Daria Cangemi pienamente rispondente alle prescrizioni della scienza medica, concretizzandosi in una idonea, attenta valutazione clinica e strumentale delle condizioni della gestante e del feto.

Il medesimo PM dott.ssa Sabrina Carmazzi, alla luce degli approfondimenti dell’indagine, richiede ulteriormente che le accuse vengano archiviate nei confronti della dott.ssa Cangemi e il Gip del Tribunale di Marsala, all’esito di una nuova udienza camerale, ha emesso il decreto di archiviazione a favore della Dott.ssa Cangemi nel procedimento penale nr. 1199/2012 RNR.