Cosa non si baratterebbe per rimanere giovani.. ma giovani lo si è dentro, nell’anima, nello sguardo di chi ha ancora dei sogni, in chi ha capito che con l’incoscenza di quegli anni a volte tutto è permesso.

Eppur si cresce, ma spesso con la consapevolezza di trasportare quel mondo adolescenziale nella realtà della vita adulta, cosa ardua, sconsiderata, ma possibile. C’è voglia di esprimersi, in quel contesto che chiamano vita, c’è voglia di dimostrare che qualcosa di meraviglioso è possibile.
Noi generazione che parlava invece di chattare che giocava in strada che dandava in bici senza mani …noi che ancora pensiamo che per esprimerci basta incontrarci.

Inizia da qui il cammino del nuovo “Loggiato” di Castelvetrano, il nuovo mercato della nostra cultura, nasce dall’idea che se hai un spazio hai anche la possibilità di esprimere il tuo modo di vivere.

La fotografia, musica, arte, passioni e semplici scambi di opinioni, tutto questo potrà essere possibile e lo sarà per coloro i quali si sentiranno far parte di questo progetto, diventando associati attraverso un tesseramento (della durata di un anno). Iniziative che prenderanno vita man mano e che potranno specchiare una parte di “noi” giovani ma non troppo! che ancora ha voglia di non andare altrove se dentro fa bel tempo….

Tra le idee anche i nostri amici a quattro zampe stufi di essere messi da parte, comiceranno a rientrare in piccoli ma crescenti progetti all’interno del loggiato, con manifestazioni raccolte fondi adozioni e tanto altro; non mancherà un maxi schermo per il cinema, lo sport. E se a natale siamo tutti più buoni, ci sarà la “raccolta del libro” tutti gli associati possono donare libri che verranno messi a disposizione dei soci stessi;
Insomma noi mettiamo il posto, voi tutti mettete le idee e chissà se domani guardandoci dietro potremmo dire di aver reso il nostro paesino degno dei giovani che lo vivono!

Precisazione: l’iniziativa nasce da una collaborazione dell’associazione Agave, che gestisce la struttura, con la nuova associazione “Il Loggiato”.