Due genitori sono stati arrestati per abusi sulla figlia di quattro anni.

Una vicenda di maltrattamenti, violenza e degrado è stata scoperta a Mazara del Vallo. Secondo l’accusa la piccola, oltre a subire gli abusi sessuali, veniva maltrattata in continuazione: legata alla sedia, era picchiata e costretta ad assistere a scene di sesso dal vivo o in video.

La famiglia viveva con altre due donne (di cui una prostituta) in quella che di fatto era una casa di appuntamenti. Risultano indagati altri tre mazaresi che avrebbero partecipato ai festini durante i quali si consumavano rapporti di gruppo tra i genitori della bimba e gli altri. A volte venivano anche proiettati filmini pornografici.


La piccola era costretta a vedere tutto, altrimenti veniva picchiata. In alcune occasioni avrebbe subito molestie da parte degli adulti.

I genitori sono finiti in manette per il provvedimento del gip del Tribunale di Marsala, su richiesta del Pm Bernardo Petralia, con l’accusa di maltrattamenti e abusi sulla figlia. Lui, 40 anni, è un pregiudicato e dovrà rispondere anche di favoreggiamento della prostituzione. La donna, 27 anni, è accusata per la violenza sulla figlia.