I Beni Culturali del nostro Paese sono un giacimento enorme di opportunità di crescita economica, sociale e culturale. Questo straordinario patrimonio ereditato dalla storia e di cui noi siamo custodi, appartiene all’intera umanità e questo carica il Paese della grande responsabilità di tramandarlo alle future generazioni. Sulla valorizzazione di questa immensa ricchezza l’Italia può costruire una strategia di sviluppo sostenibile per l’oggi e per il futuro.

Non “sentire” questa responsabilità e non cogliere questa opportunità non trova giustificazione alcuna. Per questo è necessario che chi vi opera per conservarlo, valorizzarlo, promuoverlo, gestirlo abbia un convinto sostegno, adeguati investimenti e riconoscimento professionale.

Tuttavia, insieme a tutte le diverse forme di produzione e fruizione culturale, oggi i Beni Culturali italiani sono in sofferenza per i pesanti tagli operati dalla legge finanziaria, i quali vanno ad aggiungersi al disinvestimento culturale che il nostro paese opera oramai da anni, penalizzando l’occupazione, le condizioni di lavoro, la professionalità e l’entusiasmo di tanti giovani.

Questo stato d’incuria è sintomo di un impoverimento culturale della società che non annuncia nulla di buono per il Paese.

Come Coalizione “Abbracciamo la cultura” vogliamo dare vita a un impegno diffuso per una forte “assunzione di responsabilità” da parte della collettività affinché venga definito un quadro trasparente di regole e di risorse certe, di lungo respiro che dia priorità alla “cura” del patrimonio culturale italiano e non a pochi eventi spettacolari e interventi emergenziali.

Il Circolo Legambiente Crimiso e il Dipartimento dei Beni Culturali di Legambiente Sicilia, anche nella nostra provincia vogliono abbracciare la cultura, quindi pensiamo di fare l’iniziativa abbracciamo il Tempio “C” a Selinunte uno dei monumenti della provinica di Trapani ormai Simbolo, oggetto di molte attenzioni per i gravi problemi di conservazione e per il ponteggio ancora da rimuovere dopo diversi anni.

L’iniziativa sarà organizzata in collaborazione con Il Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, Ass. Rotta dei Fenici, Cresm, Circolo Legambiente Valle del belice, Circolo Legambiente Fata Morgana, Ass. Adaciu, Ass. Guide Turistiche della provincia di Trapani, Riserva Naturale Grotta di Santa Ninfa, Scuole Medie, Istituti superiori.

L’iniziativa sarà scolta giorno 5 marzo ore 10.30 con il coinvolgimento di diversi alunni delle scuole di Castelvetrano che predisporranno appositi striscioni, finalizzati a fare una foto collettiva per sensibilizzare gli addetti ai lavori ad un rapido restauro e messa in sicurezza del Tempio C a Selinunte, nonostante già siano stati assegnati delle somme per i primi interventi urgenti, ma soprattuto per sottolineare un interesse di questo territorio verso la cultura.

Chiediamo alle Istituzioni locali, Civiche amministrazioni, Associazioni culturali- ambientali-archeologiche, cittadini di volere comunicare la propria adesione all’iniziativa e di partecipare con un folto gruppo giorno 5 Marzo alle ore 10.30 tutti insieme sotto il tempio C “Abbracciamo la cultura”.

Con Preghiera di diffusione
Circolo Legambiente Crimiso