Inizia l’Ottava edizione dell’Architects meet in Selinunte Playing with Identities – Tutto è storia, tutto è contemporaneo. Dal 21 al 23 Giugno a Selinunte architetti stranieri ed italiani si confronteranno su Paesaggio ma anche su un altro tema: Architettura No Gender.

“Gli architetti spagnoli del gruppo RCR arquitectes, vincitori dell’ultimo premio Nobel per l’Architettura, saranno a Selinunte all’ “Architects meet in Selinunte”.

Lo ha annunciato Enrico Caruso, Direttore del Parco Archeologico di Selinunte. Gli architetti catalani Rafael Alanda, Carme Pigem e Ramon Vilalta, vincitori di Pritzker 2017, parteciperanno al Meeting Internazionale di Selinunte organizzato ogni anno dallo studio La Monaca e dall’Associazione Italiana Architettura e Critica.

Ben tre giorni di workshop con architetti, designer di livello planetario. Non solo i vincitori del Nobel ma anche Guido Canali, autore di pagine significative della storia dell’architettura italiana, a lui si devono opere come il restauro di Palazzo Reale e del Museo del Duomo di Milano ma anche tante altre opere importanti nel campo dell’architettura museale ed edile.

“In arrivo ai Templi importanti architetti internazionali – aggiunge Luigi Prestinenza Puglisi, Direttore del Meeting, storico dell’architettura- ed urbanisti che si confronteranno su numerosi temi: dal paesaggio siciliano, tra parchi letterari ed archeologici, sul come costruire nuove storie e valorizzare l’antico ma anche sulle nuove identità, sull’Architettura No Gender. Ben tre giorni di conferenze, presentazioni inedite di progetti innovativi in grado di far convivere l’antico ed il contemporaneo, ma evidenzieremo importanti storie italiane come quella di Favara. Il 23 sera l’assegnazione del Premio Internazionale assegnato a progettisti di fama internazionale che con il proprio lavoro hanno dato particolare lustro alla disciplina. I premiati delle precedenti edizioni sono stati Daniel Libeskind, Massimiliano Fuksas, Mario Bellini, Benedetta Tagliabue, William Alsop, Allies and Morrison, Odile Decq, Dominique Perrault.

Porteremo alla ribalta storie di architetti, di imprese italiane e personaggi che nel corso dell’anno si sono contraddistinti per la qualità dei progetti. A loro assegneremo il Premio nazionale”.

Workshop, lectures e tavole rotonde in cui Architetti, designer, urbanisti ed esperti si alterneranno per confrontarsi sui temi caldi dell’architettura. Saranno presenti gli studi di architettura italiani più importanti giovani talenti e ospiti planetari – ha concluso l’architetto Orazio La Monaca, condirettore del Meeting – tra cui lo studio catalano RCR Arquitectes, vincitore del premio Pritzker dello scorso anno (premio Nobel per l’architettura) e l’arch. Guido Canali, vincitore del premio compasso d’Oro nel 2004.

All’interno dell’evento sarà organizzata una mostra itinerante, denominata “Progetti stesi”, formata dalle tavole di progettisti italiani che verranno letteralmente “appese” – stese- ad una serie di lunghi fili che le raccoglieranno, e che in seguito si sposterà a Roma, Napoli, Torino, Imperia, Palermo”.

La giornata del 21 si svolgerà al Teatro Selinus di Castelvetrano, mentre dal 22 il Meeting aprirà i lavori al Parco Archeologico.

Comunicato Stampa Parco Archeologico di Selinunte