Il 21 Dicembre 2016, alle ore 16.00, presso l’Auditorium dell’Istituto, alla presenza della Presidente della sezione territoriale di Castelvetrano, prof. Annamaria Agate, dei docenti, degli alunni e dei genitori, si è tenuto un incontro formativo legato alla tematica della solidarietà.

L’adesione alla Campagna dell’UCIIM Sicilia “Un faro per riaccendere la speranza” nasce su sollecitazione di alcuni alunni, che hanno espresso il desiderio di aiutare i loro coetanei, che abitano nei paesi colpiti dal terremoto.

Le Famiglie hanno accolto positivamente questa iniziativa e hanno dato anche la disponibilità ad ospitare alcuni bambini delle zone terremotate.

Molto interessante è stato l’intervento della Presidente della sezione UCIIM di Castelvetrano, Annamaria Agate, che, dopo aver ringraziato sentitamente il dirigente, gli alunni, i docenti e i genitori, ha parlato in modo toccante della situazione delle scuole delle zone terremotate e delle condizioni in cui lavorano attualmente gli operatori scolastici, cercando di assicurare una normalità agli alunni.

La Presidente ha poi illustrato come è nata l’idea della Campagna di solidarietà indetta dall’UCIIM Sicilia a favore delle scolaresche dei paesi colpiti dal sisma, fortemente voluta dalla Presidente regionale, dott. Chiara Di Prima, raccontando che l’UCIIM nazionale , nel 1968, anno del terribile terremoto che colpì i Paesi della Valle del Belice, donò un assegno di 7.000.000 di lire , da destinare ai bisogni e alle necessità delle scuole della Valle del Belice.

Durante la manifestazione il Dirigente scolastico, prof. Maria Luisa Simanella , ha dato alla Presidente UCIIM della sezione di Castelvetrano una busta contenente la ricevuta del bonifico effettuato a favore dell’UCIIM Sicilia.

La Presidente di sezione ha consegnato l’attestato di merito alla Scuola per la pregevole partecipazione alla Campagna di solidarietà ed anche gli attestati di merito per le classi partecipanti all’iniziativa.

Ringraziamenti e plausi sono giunti anche alla Scuola dalla Presidente regionale, dott. Chiara Di Prima, per l’attenzione e la sensibilità mostrate dagli alunni della scuola verso i loro coetanei, che in questo momento versano in una situazione di estrema precarietà.